14-02-2013

 

Rischio neve

 

 

Tempo da lupi o peggio tempo da neve !!! Dopo le abbondanti nevicate dello scorso anno, nel nostro territorio pare scongiurato il pericolo di un altro evento particolarmente dannoso sotto tutti i punti di vista, anche se l’allerta rimane e suscita considerazioni in ambito assicurativo. Questo evento meteorologico ha fondamentalmente due implicazioni assicurative. La prima riguarda il danno come garanzia diretta nel ramo incendio, sotto forma di clausola aggiuntiva che copre i danni causati da sovraccarico di neve, purché i fabbricati ed i tetti siano costruiti con appropriate caratteristiche costruttive specificate in polizza. Particolare attenzione a quest’ultimo aspetto che sovente determina il diritto o la reiezione al risarcimento del sinistro. In linea di massima, comunque, sono compresi in garanzia i danni derivanti da crollo totale o parziale del fabbricato, pareti, tetto ecc. La seconda, invece, riguarda, la garanzia di Responsabilità Civile quando la neve causa un danno a terzi (neve e ghiaccio che cade dal tetto procurando danni - marciapiedi e pertinenze interne di fabbricati insidiosamente ghiacciati che fanno cadere persone - alberi o rami caduti per sovraccarico di neve che causano danni - ecc.). Come avviene spesso per gli eventi naturali, la casistica di danni da neve in alcune fattispecie è particolarmente complessa, perché sono molteplici gli aspetti che contribuiscono al verificarsi del danno (caso fortuito / di forza maggiore ecc.) e soprattutto la componente del fattore responsabilità. Tale circostanza è radicata nel principio giuridico che se l’evento atmosferico è stato eccezionale e, tra la nevicata e il danno non c’è stato il tempo d’intervenire con l’ordinaria diligenza, non sussiste responsabilità. Infatti, nella famosa nevicata del 1985, che fu abbondante e caduta in un ristretto lasso di tempo, la magistratura in qualche caso invocò l’insussistenza di responsabilità del proprietario e/o dell’ amministratore dell’immobile applicando l’articolo 2051 del codice civile. In linea di massima, quindi, è sempre opportuno e utile chiarire bene i dubbi e le aspettative di copertura del rischio prima della stipula del contratto.