31-07-2012

 

Glossario

 

 

ACCESSORI DI SERIE
Sono le installazioni stabilmente fissate al veicolo costituenti normale dotazione di serie
ACCESSORI NON DI SERIE
Sono le installazioni stabilmente fissate al veicolo non rientranti nel novero degli accessori di serie e degli optional
ACQUA CONDOTTA
E' l'acqua potabile, piovana o di scarico che è contenuta o che scorre, cioé è "condotta" negli impianti idrici, igienici, di riscaldamento e di condizionamento al servizio del fabbricato. Si ha fuoriuscita di acqua condotta quando a seguito di rottura accidentale di impianti si verificano danni materiali alle cose assicurate. E' oggetto di garanzia nella polizza Incendio e Globale Fabbricati. Vedi ricerca guasti.
AGGRAVAMENTO DEL RISCHIO
E' la modificazione intervenuta successivamente alla stipulazione del contratto, dovuta a cause sopravvenute e imprevedibili che incidono in modo stabile e durevole sulla gravitàe intensità del rischio. L'assicurato ha l'obbligo di darne immediata comunicazione all'assicuratore e di corrispondere il maggior premio che gli viene richiesto dal momento in cui si è verificato l'aggravamento. L'assicuratore ha però anche la facoltà di recedere dal contratto se l'aggravamento è tale che non avrebbe stipulato il contratto o avrebbe richiesto un premio maggiore. (Art. 1898 C.C.)
AIAF
Associazione Italiana Analisti Finanziari. Le attività principali sono concentrate sull’analisi dei mercati e sulla professionalità degli associati.
ALFA DOCP
E' la parte di rendimento di un titolo che non dipende dall'andamento del mercato. In particolare l'alfa di Jensen indica l'abilità di un gestore nell?ottenere performances superiori rispetto ai mercati di riferimento.
AMEX (American Stock Exchange)
American Stock Exchange. E' una delle principali borse degli Stati Uniti.
AMMINISTRAZIONE STRAODRDINARIA
E' il regime cui viene sottoposta una impresa di assicurazione a carico della quale l'Isvap abbia rilevato gravi irregolarità. Vedi Commissariamento e Liquidazione coatta amministrativa.
ANALISI FONDAMENTALE
Ha come obiettivo l’individuazione del fair value (valore corretto) di uno strumento finanziario, partendo dall’analisi dei bilanci dell’impresa emittente il titolo. Se il fair value è superiore alla quotazione di mercato vuol dire che il titolo è sottovalutato ed è quindi conveniente l’acquisto.
ANALISI PER QUARTILI
E’ la valutazione dell’andamento del rendimento di un fondo utilizzando la classifica dei rendimenti di tutti i fondi suddivisa in quattro gruppi (quartili).
ANALISI QUANTITATIVA
Misura le grandezze economiche relative a un titolo (costo del capitale, assets…), valutando anche i flussi futuri dei risultati economici grazie a modelli matematico-statistici.
ANALISI TECNICA
Prevede il corso di uno strumento finanziario analizzando le serie storiche dei prezzi e dei volumi ed utilizzando grafici e indicatori numerici relativi alle variabili di mercato.
ANASF
Associazione Nazionale dei Promotori Finanziari. Rappresenta gli associati nelle questioni istituzionali e previdenziali. Si occupa anche della qualificazione professionale dei promotori finanziari.
ANTIECONOMICITÀ (DELLE RIPARAZIONI)
La spesa per riparare il bene danneggiato è superiore al valore dello stesso al momento in cui si è verificato il sinistro. Non si può pagare più del valore del bene al momento del sinistro in quanto si realizzerebbe un illecito arricchimento
APPARECCHI AUDIO-FONO-VISIVI
Sono la radio, i lettori CD, i manganastri, i televisori integrati nel cruscotto e/o stabilmente fissati, comprese le autoradio estraibili montate con dispositivi di blocco (elettrico, elettromagnetico o meccanico). Sono esclusi radiotelefoni e/o telefoni cellulari.
APPENDICE (DI POLIZZA)
E' rilasciata posteriormente all'emissione della polizza per procedere alla modifica di uno o più elementi originari del contratto o per fare delle precisazioni. Può comportare un aumento o diminuzione del premio ed è parte integrante del contratto.
ARBITRAGGIO
Consiste, tipicamente, nell’acquisto di strumenti finanziari e nella rivendita degli stessi (o di altri strettamente correlati ai primi) in un breve orizzonte temporale, con l’obiettivo di lucrare sulla differenza di prezzo data dalle inefficienze del mercato.
ARBITRATO
Con la clausola di arbitrato le parti si impegnano a demandare a uno o più arbitri la soluzione di determinate controversie. Di solito si ricorre all'arbitrato per risolvere controversie sulla quantificazione del danno (es. valutazione dei postumi permanenti). Nelle condizioni contrattuali dei vari prodotti sono stabilite le regole per la nomina degli arbitri.
ARMONIZZATO
Si dice di un fondo in regola con le disposizioni sugli organi di investimento collettivi del risparmio dell’Unione Europea (OICR).
ASSET
Versione inglese di “attività”, indica qualsiasi bene o credito appartenente ad un soggetto economico.
ASSET BACKED SECURITIES
Sono titoli derivanti dalla cartolarizzazione (ovvero trasformazione in titoli negoziabili) di attività finanziarie non negoziabili (come i mutui). Vengono emessi da un intermediario finanziario per conto della società che ne garantisce il pagamento attraverso l’incasso dei crediti originari. Abs con valori nominali superiori a 50 milioni di euro sono trattati sul mercato Euromot.
ASSICURATO
E' il soggetto il cui interesse è protetto dall'assicurazione.
ASSICURAZIONE CON VISITA MEDICA
E' un'assicurazione sulla vita che prevede il pagamento di un capitale alla morte dell'assicurato e viene stipulata solo sulla base degli esiti di una apposita visita medica. Vedi Assicurazione senza visita medica.
ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA DEI VEICOLI A MOTORE E NATANTI
E' stata introdotta con la legge 990/69, successivamente modificata dalla legge 39/77.
ASSICURAZIONE SENZA VISITA MEDICA
E' un'assicurazione sulla vita che prevede il pagamento di un capitale alla morte dell'assicurato e viene stipulata in base alle dichiarazioni dell'assicurando senza visita medica. Può essere stipulata quando il capitale non èsuperiore a 100 milioni e l'età dell'assicurando non supera i 60 anni. Vedi Assicurazione con visita medica.
ASSICURAZIONE SULLA VITA DI UN TERZO
E' una polizza Vita in cui il contraente assicura la vita di una terza persona, nell'interesse e a favore di questa persona oppure nell'interesse e a favore di un'altra terza persona o a beneficio proprio o di una altra terza persona. Se la polizza prevede il caso morte è necessario il preventivo assenso della persona sulla cui vita la polizza è stipulata.
ASSICURAZIONI CASO MORTE
Sono polizze che prevedono il versamento di un capitale al beneficiario alla morte dell'assicurato. Si distinguono in polizze Vita intera se il capitale viene pagato qualunque sia il momento in cui si verifica la morte e polizze Vita temporanee se il capitale viene pagato solo se la morte si verifica entro un determinato periodo di tempo. Vedi Assicurazioni caso vita, Assicurazioni Miste, Temporanea di morte e Vita intera.
ASSICURAZIONI CASO VITA
Sono polizze che prevedono il versamento di un capitale solo nel caso di sopravvivenza dell'assicurato a una certa scadenza. Vedi Assicurazioni caso morte, Assicurazioni Miste, Temporanea di morte e Vita intera.
ASSICURAZIONI MISTE
La prestazione dell'assicuratore prevista dal contratto è dovuta alla morte dell'assicurato se si verifica entro un certo termine o se alla scadenza dello stesso termine l'assicurato sia ancora in vita. Vedi Assicurazioni caso morte, Assicurazioni caso vitae Temporanea di morte.
ASSOGESTIONI
Associazione fra le imprese autorizzate alla gestione del risparmio per conto di terzi. Fu fondata nel 1984 con il nome di Assofondi e ha cambiato nome nel 1989.
ASSORETI
Associazione tra le banche e le sim che utilizzano le reti di promotori finanziari per distribuire prodotti finanziari fuori sede. Rappresenta le associate nelle relazioni con autorità e istituzioni nelle tematiche relative all’offerta fuori sede. Raccoglie e diffonde i macrodati del settore (raccolta e patrimoni).
ASSOSIM
Associazione delle Società di Intermediazione Mobiliare. Rappresenta e tutela le associate nei rapporti con enti, amministrazioni, autorità e istituzioni.
ATTESTATO DI RISCHIO
È il documento che deve essere consegnato al contraente alla scadenza del contratto di R.C. auto. Per legge deve essere messo a disposizione del contraente almeno tre giorni lavorativi prima della scadenza del contratto. Contiene l'indicazione della classe di merito di provenienza e quella di assegnazione per l'annualità successiva.
ATTIVITÀ NON PROFESSIONALE
È quella inerente alla vita comune o di relazione, al disbrigo delle occupazioni familiari e domestiche, ai passatempi e alle comuni manifestazioni della vita di ogni giorno, nonché allo svolgimento delle attività di hobbies anche se a carattere continuativo. Vedi Infortunio Extraprofessionale.
ATTIVITÀ PROFESSIONALE
È quella dichiarata nel contratto, che viene svolta dall'assicurato a carattere continuativo, abituale e remunerativo. Vedi Infortunio Professionale.
AVVERSIONE AL RISCHIO
Comportamento dell’investitore che preferisce una somma certa a una incerta anche quando il valore atteso di quest’ultima è il medesimo o superiore. E’ l'ipotesi più comune nella previsione del comportamento degli investitori.
AZIONE DIRETTA
Nell'ambito dell'assicurazione R.C. auto, il danneggiato ha la facoltà di agire direttamente nei confronti dell'assicuratore (deve essere comunque citato anche l'assicurato).
AZIONE ORDINARIA
E’ uno strumento finanziario a reddito variabile che rappresenta la quota minima del capitale sociale. Prevede la partecipazione proporzionale agli utili della società e dà diritto di voto nelle assemblee degli azionisti. Può essere quotata in borsa insieme alle azioni privilegiate (preferred stocks) ed alle azioni di risparmio, che hanno maggiori diritti patrimoniali a fronte della limitazione del diritto di voto.
BANCA D’AFFARI
Sinonimo di investment bank o banque d’affaire, cioè intermediari finanziari che svolgono attività di consulenza e realizzazione di operazioni di finanza straordinaria (per esempio fusioni ed acquisizioni). Possono anche effettuare consulenza in materia d’investimento e gestire portafogli.
BANCA D’ITALIA
E’ l’istituzione responsabile del funzionamento del sistema creditizio italiano. Fa parte del Sistema Europeo delle Banche Centrali regolato dalla Banca Centrale Europea. Fra le funzioni svolte vi sono quelle di emissione della moneta, sorveglianza sul sistema dei pagamenti, tesoreria di stato, consulenza agli organi costituzionali, analisi economiche e istituzionali.
BANCA DEPOSITARIA
E’ l’istituto di credito che controlla e garantisce la correttezza dell’operato dell’attività di gestione del risparmio di un fondo. Tra i suoi compiti vi sono quelli di custodire titoli e liquidità, di regolare le compravendite e verificare la conformità di tali operazioni al regolamento del fondo ed alla legge.
BEAR
In italiano “orso”. Indica le fasi di ribasso dei mercati borsistici. *
BENEFICIARIO
È colui a favore del quale, su designazione dell'assicurato, viene eseguita la prestazione dall'assicuratore.
BETA BETA BETA BETA BETA
Nel modello di spiegazione del comportamento dei mercati finanziari Capital Asset Pricing Model, il beta è il coefficiente che misura l’esposizione al rischio di un titolo non eliminabile con la diversificazione.
BILANCIATO
Fondo o linea di gestione che investe sia in azioni che in obbligazioni. L’investimento in azioni può oscillare tra il 20 e il 70%.
BLUE CHIPS
Azioni quotate e rappresentative del patrimonio delle società a maggiore capitalizzazione di borsa. Il termine è mutuato dalla terminologia delle case da gioco: i blue chips sono i gettoni di maggior valore.
BOLLA SPECULATIVA
Fenomeno che si verifica ogni qualvolta gli esperti considerano i prezzi espressi dal mercato azionario, molto superiori rispetto ai valori ritenuti corretti in base ai metodi di analisi e valutazione consolidati. L’esistenza di una bolla speculativa è difficile da valutare e fa temere una successiva caduta delle quotazioni.
BONUS-MALUS
E' un termine che indica una particolare forma tariffaria che prevede riduzioni (Bonus) o maggiorazioni (Malus) di premio, rispettivamente, in assenza od in presenza di sinistri nei periodi di osservazione e che si articola in diciotto classi di appartenenza corrispondenti a livelli di premio crescenti dalla 1a alla 18a classe.
BOT (Buoni ordinari del Tesoro)
Sono titoli obbligazionari di stato a breve termine (3-12 mesi). Sono privi di cedola (zero-coupon) e il rendimento è dato dalla differenza tra il prezzo di emissione (fissato dalle aste quindicinali della Banca d’Italia) e quello di rimborso.
BOTTOM UP
In italiano: “dal basso verso l’alto”. E’ una strategia di asset allocation che parte dalla scelta dei singoli titoli per definire il portafoglio totale, anziché anticipare le tendenze di mercato.
BREVE TERMINE
Gli investimenti a breve termine hanno una durata inferiore ai diciotto mesi.
BULL
In italiano “toro”. Indica le fasi di rialzo dei mercati borsistici.
CAC
Indice della Borsa di Parigi. Il CAC 40 rappresenta i 40 titoli più capitalizzati del CAC.
CAPITAL GAIN
In italiano:"guadagno in conto capitale”. E' la differenza tra il valore di acquisto e quello di vendita di uno strumento finanziario. Con “capital loss” si indica, invece, una differenza negativa.
CAPITALE ASSICURATO
Vedi Somma assicurata
CAPITALIZZAZIONE
Si ottiene moltiplicando il numero di azioni per il valore della quotazione di un titolo. La capitalizzazione di mercato è pari alla somma delle capitalizzazioni dei titoli dell’insieme considerato.
CAPM
Capital Asset Pricing Model. E’ una teoria sul funzionamento dei mercati finanziari che teorizza un premio (maggior rendimento) per gli investimenti più rischiosi. E’ basata sull’ipotesi di aspettative omogenee da parte degli investitori ed avversione al rischio. Il rendimento atteso da un titolo è, quindi, dato dal rendimento di un’attività priva di rischio più un fattore (detto beta) per premiare l’esposizione al rischio.
CARENZA (PERIODO DI)
È il periodo di tempo che intercorre tra la data di stipulazione della polizza e l'effettiva decorrenza della garanzia. È anche detto 'periodo di aspettativa'
CARICAMENTI
Sono i costi gestionali a carico della impresa di assicurazione e comprendono gli oneri di acquisizione, le spese per la liquidazione sinistri e oneri di gestione.
CARICAMENTO DI ACQUISIZIONE, GESTIONE, INCASSO
Sono le quote di premio che hanno lo scopo di far fronte alle spese riguardanti rispettivamente: la corresponsione della provvigione di acquisto (cioè la commissione a chi procura il contratto), la gestione del contratto, il servizio di esazione delle rate di premio successive alla prima.
CARTA VERDE
È il documento che attesta la validità dell'assicurazione R.C. auto per la circolazione in paesi diversi dai membri C.E.E. In mancanza di tale documento deve essere stipulata una polizza di frontiera. Vedi U.C.I.
CATEGORIE ASSOGESTIONI
Assogestioni ha classificato tutte le tipologie di fondi comuni di investimento in base agli strumenti in cui investono ed adll’area geografica di provenienza di tali investimenti. Ogni società di gestione sceglie la categoria di appartenenza dei suoi prodotti, garantendo il rispetto della filosofia gestionale di tali categorie.
CCT
Certificati di Credito del Tesoro. Sono titoli di stato a medio-lungo termine, a tasso variabile (o indicizzati), con cedola legata al rendimento di altri titoli (in genere BOT).
CEDOLA (COUPON)
Le cedole sono tagliandi numerati progressivamente ed uniti ad azioni ed obbligazioni. Lo stacco della cedola alla data stabilita e la presentazione all’incasso danno il diritto a incassare i dividendi azionari o gli interessi obbligazionari periodici.
CERTIFICATI DI DEPOSITO
Certificato emesso da un istituto di credito a fronte di un deposito effettuato da un cliente. E’ quindi un titolo rappresentativo di un credito, con scadenza e interesse prestabiliti.
CERTIFICATO CUMULATIVO
E’ il documento che registra tutti i certificati rappresentativi delle quote di un fondo. Viene custodito dalla banca depositaria.
CLAUSOLA DI INDICIZZAZIONE
È la clausola che, facendo riferimento a precisi indici statistici (di solito ISTAT) consente di rivalutare le somme assicurate o i massimali e correlativamente il premio per bilanciare l'effetto dell'inflazione.
COASSICURAZIONE DIRETTA
È la ripartizione dell'assicurazione relativa alle stesse cose e/o persone tra più imprese assicuratrici per quote determinate. Ciascun assicuratore è tenuto al pagamento dell'indennità dovuta solamente in proporzione della rispettiva quota.
COLLEGIO MEDICO
È un organismo costituito di volta in volta per dirimere le divergenze fra le parti a seguito di disaccordo sul diritto all'indennizzo e sulla natura e conseguenze del sinistro, relative alle polizze Malattia e Infortuni. Nelle condizioni contrattuali sono stabilite le regole per la nomina e la composizione del Collegio.
COMMISSARIAMENTO
Nel caso di gravi irregolarità amministrative o violazioni di norme, l'Isvap nomina uno o più commissari ed un Comitato di sorveglianza per l'amministrazione straordinaria al fine di risanare l'impresa o di porla in liquidazione coatta. Vedi Amministrazione straordinaria, Liquidazione coatta, Commissario liquidatore.
COMMISSARIO LIQUIDATORE
Svolge le funzioni del curatore nell'ambito di un fallimento. Per l'assicurazione R.C. auto può avere il compito di liquidare i sinistri per conto del fondo di garanzia vittime della strada. Vedi Amministrazione straordinaria, Commissariamento, Liquidazione coatta.
COMMISSIONE
E’ il costo fatto pagare dall’intermediario o dal distributore per l’acquisto di uno strumento finanziario. E’ spesso espresso come percentuale del prezzo di acquisto. Le commissioni applicate sui fondi possono essere:1) di sottoscrizione, per remunerare il collocatore; 2) di gestione, per compensare la gestione attiva del patrimonio del fondo; 3) di performance, quando il rendimento è superiore al benchmark; 4) di uscita, per riscattare le quote.
CONSAP
Alla CONSAP compete la gestione del Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada.
CONSENSUS
E’ la media delle previsioni effettuata da un vasto campione di analisti sull’andamento di una variabile finanziaria.
CONSOB
Commissione Nazionale per le Società e la Borsa. E’ l’ente che vigila sul corretto funzionamento dei mercati finanziari, sulla trasparenza delle contrattazioni e delle comunicazioni al mercato. Svolge il ruolo istituzionale di tutela del risparmio anche attraverso gli obblighi di legge di cui la commissione è destinataria.
CONTRAENTE
È la persona fisica o giuridica che stipula il contratto di assicurazione.
CONTRASSEGNO
Documento che attesta l'esistenza di una assicurazione R.C. auto, riporta il periodo di validità dell'assicurazione, la coincidenza con la targa del veicolo e l'impresa che assicura il veicolo. Deve essere collocato per legge in modo ben visibile di norma sul parabrezza.
CONTRATTO A TERMINE
Detto anche contratto forward, impegna le parti a vendere una certa attività a una data fissata alle condizioni indicate dal contratto.
CONTRATTO DI ASSICURAZIONE
È il contratto mediante il quale l'assicuratore verso pagamento di un premio si impegna a rivalere l'assicurato, entro i limiti convenuti, del danno ad esso prodotto da un sinistro (nelle assicurazioni contro i danni: Infortuni, Incendio, etc.); o a pagare un capitale al verificarsi di un evento attinente la vita umana (ad esempio nella Polizza Vita). (art. 1882 C.c)
COPERTURA
E’ un’operazione finanziaria finalizzata a ridurre il rischio di un investimento. Si realizza, ad esempio, con l’acquisto di uno strumento finanziario con un rendimento correlato negativamente con il portafoglio da coprire.
CORPORATE BOND
Obbligazione emessa da una impresa privata.
CORRELAZIONE
Vi è correlazione tra due variabili quando presentano un comportamento sistematico congiunto. Al variare di una è allora possibile calcolare la variazione dell’altra. La misura statistica di questo fenomeno può assumere valori compresi tra –1 e +1, a seconda che la correlazione sia perfettamente lineare (+1), nulla (0) o inversa (-1).
COSTITUENTI
Si definiscono così gli strumenti finanziari che compongono un indice o un paniere di titoli.
COUNTRY RISK
In italiano “rischio paese”. E’ il rischio legato all’area geografica di provenienza di uno strumento finanziario e dipende da variabili politiche, economiche e sociali.
COUPON
Vedi “cedola”
COVERED WARRANT
E’ uno strumento finanziario derivato. Assimilabili alle opzioni, i covered warrant (cw) si distinguono da quest’ultime perchè le istituzioni emittenti cw sono sottoposte a vigilanza e devono agire sul mercato come market maker.
CURRENCY
Versione inglese di moneta.
CURRENCY RISK
In italiano “rischio di cambio”. E’ il rischio legato all’investimento in valuta diversa da quella di conto dell’investitore
DAX
E’ l’indice della Borsa di Francoforte che raggruppa le trenta società a più elevata capitalizzazione.
DAY HOSPITAL
Vedi Ricovero in Day Hospital.
DDM
Dividend Discount Model. Modello finanziario secondo il quale il prezzo corretto di un’azione deve essere uguale al valore attuale di tutti i dividendi futuri.
DEALER
E’ un intermediario che compie negoziazioni per conto proprio sui mercati finanziari (a differenza del broker). I profitti del dealer sono dati dalla differenza tra prezzo di vendita e di acquisto. I rischi connessi a quest’attività sottopongono i dealer a obblighi di vigilanza.
DECORRENZA
La copertura inizia di norma dalle ore 24 del giorno della conclusione del contratto e termina alle ore 24 del giorno indicato come data di scadenza finale.
DEGRADO
È il deprezzamento del veicolo e delle sue parti dovuto a usura e/o invecchiamento.
DERIVATO
Strumenti finanziari il cui prezzo deriva dal prezzo di un altro strumento, sfruttando l’effetto di leva finanziaria. Presentano un elevato livello di rischio e possono essere usati per operazioni speculative o di copertura. Rientrano in questa categoria i future, le opzioni, gli swap e i warrant, ma anche i covered warrant e gli altri prodotti di questa famiglia (Benchmark, certificates).
DEVIAZIONE STANDARD
Misura il grado di dispersione dei rendimenti rispetto alla loro media. La deviazione standard è il principale indicatore statistico di volatilità, cioè di incertezza degli investimenti.
DIARIA
Nella polizza Infortuni è l'indennità prevista per ciascun giorno di inabilità temporanea dell'assicurato. Nella polizza "Ricovero-Indennità Giornaliera" è l'indennità prevista per ciascun giorno di degenza dell'assicurato in un Istituto di cura.
DIMORA ABITUALE
Sono i locali abitati permanentemente dall'assicurato e costituiscono di norma la sua residenza anagrafica.
DIMORA SALTUARIA
Sono i locali che non sono dimora abituale dell'assicurato.
DISDETTA
È l'atto con il quale una della parti comunica, nei termini convenuti, la volontà di non rinnovare il contratto. Vedi Recesso.
DIVERSIFICAZIONE
E’ la strategia di investimento che punta alla riduzione del rischio specifico di un portafoglio acquistando strumenti finanziari tra loro non correlati.
DIVIDEND YIELD
E’ il rapporto tra l’ultimo dividendo e l’ultimo prezzo di un titolo quotato. Indica la redditività dell’investimento.
DOWNSIDE RISK
Misura sintetica della volatilità negativa di un investimento, cioè della possibilità che il rendimento dello strumento considerato sia inferiore a quello di un’attività priva di rischio (tipicamente il Bot).
DURATION
In italiano durata media finanziaria. Misura la sensibilità del prezzo di un’obbligazione alla variazione del tasso d’interesse di mercato.
VALORE A NUOVO
Per i fabbricati: è la spesa necessaria per l'integrale costruzione a nuovo di tutto il fabbricato assicurato, senza tenere conto del degrado per vetustà, rendimento economico e uso, escludendo soltanto il valore dell'area.
EASDAQ
European Association of Security Dealers Automated Quotation. E’ il mercato telematico in cui vengono scambiati i titoli ad alto potenziale di crescita, come nell’americano Nasdaq.
EFFICIENZA DEI MERCATI
E’ un’ipotesi sul meccanismo di formazione dei prezzi nei mercati finanziari, secondo la quale un mercato è efficiente quando il corso di un titolo riflette ogni nuova informazione disponibile. Di conseguenza l’andamento dei prezzi non è prevedibile. L’ipotesi dei mercati efficienti è ancora in discussione e la sua formulazione più completa è opera di Fama.
EMERGING MARKETS
In italiano, mercati emergenti, dei paesi in via di sviluppo come i paesi dell’est europeo e del Sud-est asiatico e le nazioni latino americane. L’investimento in questi paesi offre opportunità di rendimento maggiori, rispetto a impieghi analoghi in mercati sviluppati (developed markets) perché maggiore è il rischio.
EPS
Earning Per Share. E’ l’indicatore di redditività di un titolo dato dal rapporto tra gli utili (in genere quelli attesi per l’esercizio in corso) ed il numero di azioni emesse.
EQUALIZZATORE
E’ una formula introdotta dal D.M. 4/8/2000, per parificare fiscalmente i diversi regimi di tassazione dei capital gain. Si applica nei regimi dichiarativo ed amministrato, che a differenza del regime del risparmio gestito che tassa il capital gain maturato, prevedono una tassazione sul realizzato.
EQUITY
Azione, in inglese.
EQUITY LINKED
Si definisce così il rendimento di obbligazioni e polizze vita agganciate a un parametro (ad esempio un indice di borsa). Tali titoli fanno parte della categoria degli strumenti finanziari strutturati.
EREDI LEGITTIMI
Sono le persone a favore delle quali deve essere eseguita la prestazione della garanzia (polizza vita e Infortuni) in assenza di un beneficiario designato. Vedi Beneficiario.
ETF
Exchange Traded Fund. Rappresentano un paniere di azioni, che generalmente ricalca un indice di borsa, ma sono quotati in borsa e negoziabili alla stregua di singoli titoli. Sono fondi passivi senza commissioni di sottoscrizione ne di gestione. E’ addirittura possibile venderli allo scoperto per guadagnare da eventuali ribassi dell’indice di riferimento dell’ETF. Il paniere di azioni che l’ETF rappresenta sono depositate presso una banca, da un’altra banca, denominata “sponsor”, che è l’emittente del prodotto.
EXPENSE RATIO
E’ l’indicazione percentuale delle commissioni di gestione e dei costi fissi sul patrimonio di un fondo. Non comprende le commissioni di rimborso, sottoscrizione, switch.
FABBRICATO
È l'intera costruzione edile, compresi fissi ed infissi e relative opere di fondazione od interrate, impianti ed installazioni di pertinenza, considerati immobili per natura o destinazione.
FAIR PRICE
In italiano “prezzo corretto”. E’ il prezzo di uno strumento finanziario risultante da un procedimento di valutazione e viene utilizzato per determinare la posizione da assumere sul mercato. Ad esempio, se il fair price è superiore al prezzo di mercato vuol dire che il titolo è sottovalutato e può essere acquistato.
FALLIMENTO
È lo stato d'insolvenza, dichiarato con sentenza, in cui versa l'imprenditore quando non è più in grado di far fronte alle proprie obbligazioni. Per quanto concerne il contratto di assicurazione la legge fallimentare (R.D. 16/3/1942 n. 267 art. 82) prevede: "Il fallimento dell'assicurato non scioglie il contratto di assicurazione contro i danni, salvo patto contrario e salva l'applicazione dell'art. 1898 del Codice Civile se ne deriva un aggravamento del rischio. Se il contratto continua, il credito dell'assicuratore per i premi non pagati deve essere soddisfatto integralmente, anche se la scadenza del premio è anteriore alla dichiarazione di fallimento".
FED
Federal Riserve System. E’ la banca centrale americana.
FERMO TECNICO
È il danno che si aggiunge alla spesa per la riparazione del veicolo in funzione del tempo strettamente necessario alla riparazione stessa. Il risarcimento del fermo tecnico viene riconosciuto quando il veicolo viene usato per ragioni di servizio e dal suo mancato uso ne deriva un danno (ad esempio il tassista) e non si tratta semplicemente di uso per comodità personale.
FIB 30
E’ il future sull’indice delle 30 blue chips della borsa di Milano (Mib 30).
FINANCIAL ADVISOR
È Financial Advisor chi, in qualità di dipendente, agente o mandatario, esercita professionalmente un'attività di intermediazione finanziaria. Tale attività deve essere svolta esclusivamente per una sola società di intermediazione mobiliare. È inibita in ogni caso qualsiasi forma di consulenza porta a porta.
FISSI E INFISSI
Sono i manufatti per la chiusura di vani di transito, illuminazione e areazione delle costruzione e, in genere, quando è stabilmente ancorato alle strutture murarie, rispetto alle quali ha funzione secondaria di finimento o protezione.
FLOTTANTE
E’ un indicatore della liquidità di un titolo ed è costituito dalle azioni che non sono stabilmente in possesso di nessun investitore.
FMI
Fondo Monetario Internazionale. Raggruppa 183 stati per promuovere la stabilità monetaria internazionale, la cooperazione economica, la crescita e l’occupazione. Inoltre gestisce le crisi monetarie ed economiche.
FONDO A CAPITALE PROTETTO O GARANTITO
Garantisce un rendimento minimo al sottoscrittore, poichè la società di gestione acquista opzioni put (diritto a vendere) sul benchmark del fondo ed investe parte dell’attivo in titoli di stato. A fronte della garanzia, sono però minori i benefici derivanti da eventuali rialzi del benchmark.
FONDO A DISTRIBUZIONE DEI PROVENTI
E’ un fondo comune di investimento che distribuisce periodicamente le plusvalenze del fondo.
FONDO COMUNE D’INVESTIMENTO CHIUSO
Equivalenti ai Closed End Funds, a differenza dei fondi aperti consentono ai sottoscrittori di acquistare le quote solo alla nascita del fondo e di disinvestire solo alla scadenza. Per aumentarne la liquidità (e quindi la possibilità di smobilizzo dell’investimento) tali fondi in alcuni casi sono quotati.
FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO APERTO
E’ l’O.I.C.R. più diffuso. Viene gestito in monte, cioè in modo unitario dalla società di gestione; le quote non individuano quindi parti precise del portafoglio. Inoltre le quote possono essere riscattate in qualsiasi momento, chiedendone il rimborso alla società. Corrispondono agli Open End Funds anglosassoni e possono investire in diversi strumenti a seconda della specializzazione dichiarata.
FONDO DI FONDI
Fondo comune di investimento che investe in quote di altri fondi invece che direttamente in titoli azionari ed obbligazionari.
FONDO DI GARANZIA PER LE VITTIME DELLA STRADA
È un fondo gestito dalla CONSAP, costituito per risarcire i danni causati da mezzi rimasti non identificati, oppure risultanti non assicurati, o assicurati presso imprese poste in liquidazione coatta amministrativa. In ciascuna regione (o gruppo di regioni) viene designata una impresa per la liquidazione dei danni. Viene finanziato con una percentuale caricata sul premio di polizza e fissata con decreto ministeriale.
FONDO ETICO
Fondo comune d’investimento che investe in strumenti finanziari emessi da imprese che rispettano particolari politiche ambientali e sociali e si preoccupano di uno sviluppo sostenibile. Sono nati nei paesi anglosassoni con la definizione di Social Responsible Fund
FONDO PENSIONE APERTO
E’ un fondo pensione promosso da una società di gestione autorizzata alla gestione in monte del risparmio.
FONDO PENSIONE CHIUSO
E’ un fondo pensione riservato agli appartenenti ad una categoria di lavoratori.
FONDO SPECULATIVO
E’ la versione italiana degli Hedge Funds, anche se il modello introdotto dalla Banca d’Italia nel 1999 non ricalca esattamente quello anglosassone. Il fondo può essere aperto o chiuso. Rispetto agli altri O.I.C.R. hanno sostanziali differenze, tra le quali: l’assenza di vincoli riferiti all’oggetto dell’investimento, il limite di cento partecipanti e di una sottoscrizione minima iniziale di 1 milione di Euro. Inoltre non possono essere oggetto di sollecitazione all’investimento.
FORWARD
Versione inglese di contratto a termine.
FRANCHIGIA
È la parte di danno che l'assicurato tiene a suo carico. È sempre espressa in cifra fissa, mentre lo scoperto è una percentuale. Vedi Scoperto.
FRANCHIGIA ASSOLUTA
È la franchigia applicabile qualunque sia l'entità del danno.
FRANCHIGIA RELATIVA
È applicabile solo quando il danno sia pari o inferiore alla franchigia.
FREE - RISK
In italiano “senza rischio”. In genere sono considerati investimenti senza rischio i titoli di Stato con rating elevato, a brevissimo termine, laddove lo Stato abbia un rating elevato (ad esempio i Bot).
FRONTIERA EFFICIENTE
In un diagramma cartesiano è la curva che unisce tutti i portafogli efficienti dato un certo orizzonte temporale. Un portafoglio è efficiente quando massimizza il rendimento atteso a parità di rischio o minimizza il rischio a parità di rendimento atteso. I portafogli fuori dalla frontiera presentano tutti una soluzione più efficiente (aumenta il rendimento atteso mantenendo invariato il rischio, o diminuisce il rischio a parità di rendimento atteso).
FTSE
Financial Times Stock Exchange. Detto anche footsie, è l’indice rappresentativo delle 100 società più capitalizzate del London Stock Exchange.
FURTO (REATO DI)
È colpevole del reato di furto chiunque si impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per sé o per altri. (art. 624 C.p.).
FURTO CON DESTREZZA
È il furto commesso con particolare abilità in modo da eludere l'attenzione del derubato.
FUTURE
E’ un contratto a termine che impegna le parti ad acquistare o vendere una determinata attività finanziaria ad una certa data in base a condizioni standard che permettono la quotazione di questo titolo. Appartiene alla categoria dei derivati, poichè il prezzo “deriva” da quello dell’attività sottostante (“underlying”).
GROWTH
In italiano “crescita”. Indica i titoli con tassi di crescita degli utili (e quindi P/E) superiori alla media.
GARANZIE ACCESSORIE
È il termine di uso comune per definire estensioni di garanzia con o senza sovrappremio.
GESTIONE ATTIVA
E’ la gestione di un portafoglio che ha l’obiettivo di ottenere un rendimento maggiore del benchmark di riferimento. Segue principalmente due modalità: lo Stock Picking ed il Market Timing.
GESTIONE IN MONTE
E’ la gestione su base collettiva del risparmio degli investitori effettuata dalle SGR per i fondi comuni ed i fondi pensione. Ciò vuol dire che i patrimoni dei singoli investitori confluiscono in un unico portafoglio gestito unitariamente.
GESTIONE PASSIVA
E’ la gestione di un portafoglio che replica l’andamento del benchmark.
GESTORE
Con questo termine si indica sia la persona fisica che prende le decisioni d’investimento di un portafoglio (nei limiti del mandato di gestione e della normativa) sia la persona giuridica (SGR, SIM o società fiduciaria) titolare del mandato di gestione.
GPF
Gestione di patrimoni in fondi. E’ un servizio di gestione di patrimoni che investe in quote di OICR in forma personalizzata ed individuale. Non avviene la gestione in monte poichè il patrimonio dell’investitore è separato da quello della società di gestione e da quello degli altri clienti della società.
GPM (GESTIONE PATRIMONIALE MOBILIARE)
Gestione patrimoniale mobiliare. E’ un servizio di gestione di patrimoni che investe in valori mobiliari in forma personalizzata ed individuale. Non avviene la gestione in monte poichè il patrimonio dell’investitore è separato da quello della società di gestione e da quello degli altri clienti della società.
GRANDE INTERVENTO CHIRURGICO
Ogni intervento chirurgico identificato come tale nell'elenco della apposita scheda di prodotto.
GRUPPO DI ACQUISTO
Pratica secondo cui più investitori effettuano operazioni di acquisto in gruppo quando, per esempio, l’importo minimo richiesto per sottoscrivere un investimento è elevato. L’aumentato importo delle operazioni consente, inoltre, di ottenere risparmi sulle commissioni.
HEDGE FUNDS
Detti anche Fondi a Rendimento Assoluto, non sono legati a un benchmark. Tra le caratteristiche di questi fondi (non necessariamente tutte presenti) vi sono: l’utilizzo della leva finanziaria e la vendita allo scoperto, la partecipazione diretta nel fondo del patrimonio del gestore, l’elevata autonomia di gestione, commissioni di performance e soglie di accesso molto elevate. Questi fondi hanno minori vincoli di comunicazione alle autorità di vigilanza rispetto ai normali fondi comuni d’investimento. La versione italiana degli hedge fund sono i fondi speculativi.
I.S.V.A.P.
È l'Istituto Nazionale per la Vigilanza Sulle Assicurazioni Private. All'ISVAP possono essere indirizzati reclami in merito alla gestione dei sinistri o altri comportamenti dell'imprese ritenuti non corretti.Ha sede a Roma in Via del Quirinale, 21 00187 ROMA tel 06421331 fax 0642133206
IBEX 35
Indice delle 35 blue chips delle quattro borse spagnole.
IDEM
Italian Derivative Market, è il mercato italiano sul quale vengono scambiati i derivati quotati.
IMMUNIZZAZIONE
Operazioni che rendono la duration della parte attiva uguale alla duration della parte passiva di un portafoglio obbligazionario. L’investimento è così immunizzato alle variazioni dei tassi d’interesse di mercato.
INABILITÀ TEMPORANEA
È la temporanea incapacità, totale o parziale, ad attendere alle proprie occupazioni per un periodo di tempo limitato.
INAIL
È l'Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, che gestisce l'assicurazione sociale contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.
INDENNIZZO (O INDENNITÀ)
È la somma dovuta all'assicurato in caso di sinistro.
INDICE
E’ un portafoglio rappresentativo di una categoria di strumenti per i quali funge da riferimento (benchmark).
INDICE DI SHARPE
E’ il rapporto tra il rendimento differenziale di un portafoglio rispetto all’attività free-risk e la standard deviation del portafoglio stesso. Più alto è l’indice di Sharpe maggiore è la capacità del gestore di far rendere i rischi assunti. In altri termini un indice di Sharpe più elevato indica che all’assunzione di maggiori rischi il gestore è riuscito a far corrispondere rendimenti più elevati.
INDICE DI SORTINO
E’ il rapporto tra la differenza tra rendimento del fondo e quella dell’attività free-risk ed il downside risk. Quest’ultimo è calcolato come la media degli scostamenti negativi del rendimento del fondo da quello dell’attività free-risk. Rappresenta la capacità del gestore di ottenere extrarendimenti rispetto all’attività priva di rischio, a fronte del rischio di perdite assunto.
INDICE DI TREYNOR
E’ il rapporto tra il rendimento differenziale di un portafoglio rispetto all’attività free-risk ed il beta del portafoglio stesso. A differenza dell’indice di Sharpe si riferisce al rischio sistematico e non a quello totale, evidenziando la capacità del gestore di effettuare una perfetta diversificazione.
INFORMATION RATIO
E’ il rapporto tra il rendimento differenziale del portafoglio gestito rispetto al benchmark e la Tracking Error Volatility. Valori elevati dell’Information Ratio indicano una gestione che minimizza la Tracking Error Volatility o massimizza il rendimento differenziale rispetto al benchmark.
INFORTUNIO
È l'evento dovuto a causa fortuita, violenta ed esterna (devono ricorrere tutti e tre questi requisiti), che produce lesioni fisiche obbiettivamente constatabili, le quali abbiano per conseguenza la morte, una invalidità permanente oppure una inabilità temporanea.
INFORTUNIO EXTRA PROFESSIONALE 2
È l'infortunio che l'assicurato subisce in occasione della vita comune di relazione (compreso li tempo libero e gli hobbies). Vedi Attività non Professionali.
INFORTUNIO IN ITINERE
Nel caso di polizza Infortuni Professionali, possono essere compresi anche gli infortuni verificatesi nel tragitto casa-posto di lavoro e viceversa, purché accaduti in un ragionevole lasso di tempo (generalmente un'ora prima e dopo), sia che avvengono durante l'utilizzo di mezzi di trasporto che a piedi.
INFORTUNIO PROFESSIONALE
È l'infortunio che l'assicurato subisce mentre e perché attende all'esercizio delle mansioni inerenti alla attività professionale dichiarata nel contratto. Vedi Attività Professionale.
INPS
È l'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, che gestisce le assicurazioni sociali.
INVALIDITÀ PERMANENTE
È la perdita anatomica o funzionale dell'uso di un organo o di un arto del corpo. È quindi considerata invalidità permanente la perdita o la diminuzione definitiva ed irrimediabile della capacità generica allo svolgimento di una qualsiasi attività lavorativa, indipendentemente dalla professione esercitata dall'assicurato. È valutabile sulla base di una tabella di riduzione parziale della capacità fisica. Vedi Tabella ANIA e Tabella I.N.A.I.L.
INVALIDITÀ PERMANENTE DA MALATTIA
È la perdita o la diminuzione della capacità allo svolgimento di una qualsiasi attività lavorativa (indipendentemente dalla professione esercita) derivante da una malattia.
INVESTIMENTO
Ha numerose accezioni. Nella teoria economica indica il sacrificio delle scelte di consumo attuali a vantaggio della produzione di redditi futuri.
INVESTITORE ISTITUZIONALE
Tutte le società ed enti che effettuano in maniera professionale l’attività di investimento (per esempio Società di Gestione del Risparmio, Assicurazioni e Fondazioni).
IPO
Initial Public Offering. E’ l’offerta pubblica iniziale in occasione della quotazione in borsa dei titoli di una società.
ISIN
Codice alfanumerico che individua ogni strumento quotato nel mercato italiano.
ISTITUTO DI CURA
È una struttura sanitaria autorizzata all'erogazione dell'assistenza sanitaria ospedaliera. Non sono considerati Istituti di Cura gli Stabilimenti Termali, le Case di Convalescenza e Soggiorno, i Gerontocomi e gli Ospizi per anziani, nonché le cliniche aventi finalità dietologiche ed estetiche.
JUNK BONDS
In italiano “obbligazioni spazzatura”. Sono emesse da imprese con elevata probabilità di fallimento. Il rating delle junk bonds o “high yield bonds” in genere è inferiore a Caa (Moody’s) o CCC (Standard & Poor’s).
LARGE CAP
Sinonimo di “blue chips” ovvero società a elevata capitalizzazione di borsa.
LEASING
È un contratto di locazione mediante il quale una società di leasing, dietro pagamento di un canone periodico, fornisce la disponibilità di veicoli, con la possibilità per il contraente in regola con il pagamento del canone, di acquisire la proprietà mediante il pagamento di una quota di riscatto al termine del contratto di locazione. A tutela dei propri interessi la società di leasing impone una copertura assicurativa con pagamento del premio a carico del conduttore.
LEVERAGE
In italiano “leva finanziaria”, implica il prendere posizioni su strumenti finanziari per un importo superiore a quello di proprietà, ad esempio attraverso l’acquisto di strumenti derivati.
LIBERALIZZAZIONE DELLE TARIFFE
In esecuzione delle norme comunitarie sulla libertà di concorrenza, dal 1995 è stato abbandonato il regime di approvazione ministeriale delle tariffe Vita e R.C. auto.
LIBOR
London Interbank Offer Rate. E’ il tasso d’interesse interbancario quotato in lettera (offerta) sul mercato di Londra. E’ un tasso guida per i mercati monetari di tutto il mondo.
LIFFE
London International Financial Future Exchange. E’ il mercato degli Strumenti Derivati di Londra.
LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA
È l'equivalente del fallimento. Un'impresa è posta in liquidazione coatta nel caso di gravi dissesti ed è causa di scioglimento del contratto di assicurazione. Amministrazione straordinaria, Commissariamento, Commissario liquidatore.
LIQUIDITÀ
Capacità di uno strumento finanziario di essere trasformato rapidamente ed a costo zero in denaro.
LSE
London Stock Exchange. E’ la principale borsa del Regno Unito.
MALATTIA
È ogni alterazione dello stato di salute non dipendente da infortunio.
MALATTIE COESISTENTI
Sono le malattie o invalidità presenti nel soggetto, che riguardano sistemi organo-funzionali diversi da quelli interessati dalla malattia denunciata.
MALATTIE CONCORRENTI
Sono le malattie o invalidità presenti nel soggetto che, determinano una influenza peggiorativa sulla malattia denunciata e sulla invalidità da essa causata, in quanto interessano uno stesso sistema organo-funzionale.
MARKET MAKER
E’ un intermediario finanziario che garantisce la liquidità su determinati titoli acquistando o vendendo ai prezzi dichiarati.
MARKET TIMING
E’ una strategia di gestione attiva di un portafoglio finanziario (insieme allo Stock Picking). Attraverso il Market Timing si cerca di puntare su un mercato quando comincia a guadagnare e di uscirne prima di accusare perdite. Consiste, in altri termini, nel selezionare il miglior momento per entrare ed uscire dal mercato.
MASSIMALE
Il massimale rappresenta la massima somma pattuita in polizza fino alla quale l'assicuratore è impegnato a prestare la garanzia assicurativa. Se i danni procurati sono superiori a tale somma la differenza resta a carico del diretto responsabile. La normativa in vigore fino all'11 Dicembre 2009 (DPR 19 Aprile 1993) prevede che l'importo minimo del massimale RC Auto copra congiuntamente i danni a persone e a cose fino a 774.685,35 euro complessivi. A partire da questa data, il D. Lgs. 198/2007 di attuazione della Direttiva 14/2005/CE, prevede che il massimale di copertura RC Auto venga suddiviso tra danni a persone e danni a cose, e il nuovo importo minimo ripartito come segue: 2.500.000 euro per sinistro con danni a persone (qualunque sia il numero dei danneggiati) e 500.000 euro per sinistro con danni a cose (qualunque sia il numero delle cose danneggiate). Successivamente, alla data dell' 11 Giugno 2012 queste cifre verranno raddoppiate.
MERCATO FINANZIARIO
Ha numerose accezioni. Si definisce così qualsiasi mercato in cui si scambiano strumenti finanziari o anche l’insieme di tutti i mercati. Nella accezione più ristretta è il mercato in cui si scambiano strumenti finanziari a lungo termine ed è contrapposto al mercato monetario. In un’accezione più macroeconomica è il mercato che mette in contatto i settori in avanzo di un’economia (tipicamente le famiglie) con quelli in disavanzo.
MERCATO MONETARIO
E’ il mercato in cui si scambiano strumenti finanziari a breve termine, cioè con durata inferiore ai diciotto mesi.
MERCATO PRIMARIO
E’ il mercato delle emissioni delle società che si quotano per la prima volta. Gli attori di questo mercato sono, quindi, le società emittenti, le banche d’investimento che agiscono da sponsor della quotazione, gli investitori e le autorità di vigilanza.
MERCATO SECONDARIO
E’ il mercato in cui gli investitori si scambiano titoli. Ogni mercato regolamentato è quindi un mercato secondario il cui funzionamento e la cui trasparenza sono controllati dalle autorità di vigilanza.
MIB 30
Indice dei 30 titoli più capitalizzati del listino di Milano. Il MIB 30 é sottostante a un contratto future, il Fib30, ed a un contratto di opzione, il Mibo30. Entrambi sono quotati alla borsa di Milano.
MIBTEL
E’ l’indice generale delle società quotate alla Borsa di Milano.
MIDEX
E’ un indice campionario della Mercato Telematico Azionario della Borsa Italiana. I suoi costituenti sono i 25 titoli che seguono quelli selezionati per il MIB 30.
MINIRIFORMA
È così definita una serie di riforme e di modifiche alla legge 990/69 introdotta alla fine del 1976 in relazione all'assicurazione obbligatoria R.C. auto e natanti.
MONTANTE
Si calcola moltiplicando l’ammontare monetario investito per un fattore di capitalizzazione che contiene il tasso d’interesse proprio dell’investimento.
MOT
Mercato Telematico delle Obbligazioni e dei Titoli di Stato. Vi si scambiano per lotti minimi: titoli di stato italiani, obbligazioni in euro, ed in valuta estera.
MSCI
Morgan Stanley Capital International. La società crea, calcola e diffonde benchmark costruiti in base a varie classificazioni (per esempio geografiche o settoriali). Gli indici MSCI vengono presi come riferimento dai gestori dei fondi comuni di investimento e da altri investitori istituzionali.
MTS
Mercato Telematico dei Titoli di Stato. E’ riservato a un selezionato gruppo di operatori.
MUNICIPAL BOND
Obbligazione emessa da un ente locale per finanziare un’opera pubblica. In Italia a questa categoria appartengono i BOC, i Buoni Ordinari Comunali.
NASDAQ
National Association of Security Dealers Automated Quotation. Primo mercato al mondo completamente elettronico in cui sono quotate aziende ad elevato tasso di crescita, ma senza alcuni requisiti per essere quotate sui mercati tradizionali. E’ diviso nei segmenti Large e Small Caps.
NASDAQ COMPOSITE INDEX
Indice generale del Nasdaq.
NAV
Net Asset Value. E’ il valore del patrimonio di un fondo d’investimento, spesso determinato pro quota sul numero di quote emesse dal fondo ed è calcolato giornalmente alla chiusura dei mercati. Per i fondi aperti il NAV coincide con il valore di rimborso dell’investimento, e quindi con il valore di mercato della quota.
NIKKEI 225
Indice della borsa di Tokio costituito dalle prime 225 società per capitalizzazione.
NUMTEL
Indice del Nuovo Mercato Italiano.
NUOVO MERCATO
Mercato italiano delle società ad elevato tasso di crescita prive di alcuni requisiti richiesti per accedere al listino principale. Fa parte del circuito europeo dei Nuovi Mercati e vi sono quotate società del settore ICT (Information & Communication Technology) e Biotech.
NYSE
New York Stock Exchange. Principale borsa degli Stati Uniti in cui sono quotate più di 2.300 società che capitalizzano oltre 5 mila miliardi di dollari.
OBBLIGAZIONE
Titolo di credito. L’obbligazione è rimborsabile secondo i termini fissati al momento dell’emissione con eventuali pagamenti periodici a titolo di interessi sul capitale (cedole). Possono essere quotate in un listino ufficiale.
OFFERTA FUORI SEDE
Vedi “promotore finanziario”.
OICR
Organismo di Investimento Collettivo del Risparmio, cioè società autorizzata alla “gestione in monte” del risparmio.
OPTIONAL
Sono le installazioni stabilmente fissate al veicolo, fornite dalla casa costruttrice con supplemento al prezzo base di listino.
OPZIONE (OPTION)
Strumento derivato che prevede la facoltà di acquistare (call) o di vendere (put) una determinata attività finanziaria ad un prezzo definito (Strike Price). Se la data in cui esercitare il contratto è fissata si parla di Opzioni Europee, se invece la facoltà può essere esercitata in un certo periodo di tempo si parla di Opzioni Americane.
OPZIONE AL TERMINE
È una clausola contrattuale che consente all'assicurato con polizza Vita di scegliere una prestazione alternativa a quella prevista in polizza. Quando la prestazione garantita è un capitale, quella alternativa è una rendita. Quando la prestazione garantita è una rendita, quella alternativa è un capitale o una rendita con caratteristiche diverse.
ORSO
Vedi “bear”.
OVERPERFORMANCE
E’ la differenza positiva tra il rendimento di un investimento ed un indice di riferimento. Se la differenza è negativa si parla di underperformance.
PROSPETTO INFORMATIVO
Documento con caratteristiche dettate dalla Consob, prodotto da un emittente in occasione di una Offerta al Pubblico di valori mobiliari,. Il prospetto informativo di fondi comuni o azioni di SICAV o programmi di gestione patrimoniale, deve essere redatto da chi propone l’investimento e deve contenere ogni informazione necessaria per agevolare la scelta dell’investitore.
PAC
Piano di Accumulo del Capitale. Adesione a un fondo comune d’investimento mediante una serie di versamenti di capitale diluiti nel tempo. Il numero di versamenti è generalmente determinato alla sottoscrizione del PAC. Il PAC offre il vantaggio di mediare il prezzo di acquisto delle quote del fondo e quindi l’oscillazione dei mercati finanziari.
PERDITE PATRIMONIALI
È il pregiudizio economico che non sia conseguenza di lesioni personali, morte o danneggiamenti di cose.
PERFEZIONAMENTO
È il termine che indica la sottoscrizione della polizza da parte del contraente con contestuale pagamento della prima rata di premio.
PERFORMANCE
Vedi “rendimento”.
PERIODO DI OSSERVAZIONE
È un periodo di tempo nel quale si osserva se vengono denunciati, e successivamente pagati, dei sinistri. Il primo periodo inizia con la decorrenza di polizza e termina dopo 9 mesi. I periodi successivi durano 12 mesi, cosicché si mantiene lo scarto di tre mesi rispetto alla naturale scadenza della polizza.
PERSONE NON ASSICURABILI
Sono non assicurabili o assicurabili a condizioni particolari le persone affette da particolari patologie, forme di alcoolismo o tossicodipendenza o che hanno raggiunto certi limiti di età indicati nella polizza.
PIC
Piano di Investimento di Capitale. Adesione a un fondo comune d’investimento mediante versamento in un’ unica soluzione del capitale da investire.
PIGNORAMENTO
Le somme dovute dall'assicuratore al contraente o al beneficiario non possono essere pignorate. (art. 1923 C.c.). Vedi Sequestro.
POLIZZA A LIBRO MATRICOLA
È in uso soprattutto nel Ramo R.C. auto. Con un solo contratto sono assicurati tutti i veicoli di proprietà dello stesso contraente, purché di numero non inferiore a 50. Sono possibili inserimenti ed esclusioni durante l'anno calcolando poi con una apposita regolazione il premio dovuto, dedotto quanto corrisposto anticipatamente.
PORTAFOGLIO
Insieme di strumenti finanziari o anche l’insieme dei titoli in cui è investito un fondo.
PORTAFOGLIO EFFICIENTE
Il portafoglio è efficiente quando, scelto un livello di rischio, presenta il maggior rendimento atteso, o viceversa.
PORTFOLIO INSURANCE
In italiano assicurazione di portafoglio. E’ una strategia di gestione di portafoglio consistente nell’acquisto di un contratto a termine.
PREMIO
È la somma dovuta, a date contrattualmente fissate, dal contraente all'assicuratore. Si considera riferito all'anno ed è dovuto per intero anche se è frazionato in rate.
PREMIO PER IL RISCHIO
E’ la differenza tra il rendimento di uno strumento finanziario e quello dell’attività free-risk e definisce la remunerazione per il rischio assunto dall’investitore.
PRESCRIZIONE
Estinzione di un diritto in quanto non esercitato dal titolare per un periodo di tempo stabilito dalla legge. I diritti derivanti da un contratto di assicurazione si prescrivono in 1 anno.
PRESTITO
L'assicurato con polizza Vita può ottenere prestiti secondo quanto stabilito dal contratto, entro il limite costituito dal "valore attuale" della sua polizza calcolato secondo le norme che regolano il riscatto e la riduzione. Vedi Riscatto e Riduzione.
PRICE EARNING RATIO (P/E)
Rapporto tra il prezzo di un titolo e gli utili (anche attesi) per azione. Questo multiplo fornisce indicazioni sulla convenienza del prezzo del titolo.
PRICING
Insieme delle attività di valutazione di uno strumento finanziario.
PRIMO RISCHIO ASSOLUTO
È la forma assicurativa con la quale l'assicurato, in caso di sinistro, ha diritto di essere integralmente indennizzato dei danni sino a concorrenza della somma assicurata, qualunque sia il valore complessivo dei beni assicurati. Non è pertanto applicabile con questa forma la forma proporzionale.
PRIMO RISCHIO RELATIVO
È la forma assicurativa prestata senza applicare la regola proporzionale purché il valore complessivo dichiarato nel contratto non sia inferiore a quello accertato al momento del sinistro, altrimenti, fermo il limite massimo di indennizzo rappresentato dalla somma assicurata, l'ammontare dell'indennizzo stesso verrà ridotto nella proporzione esistente tra il valore complessivo dichiarato e quello accertato al momento del sinistro.
PRIVATE BANKING
Gestione patrimoniale individuale per clientela con elevate disponibilità finanziarie. Oltre alla gestione del portafoglio mobiliare offre consulenza in investimenti alternativi (per esempio immobili, art advisory, metalli preziosi) e per gli aspetti fiscali o successori.
PRIVATE EQUITY
Ingresso nel capitale di una società non quotata da parte di intermediari specializzati i quali, generalmente, puntano a trarre un profitto dal collocamento in borsa della società.
PRIVATE EQUITY FUND
E’ un fondo chiuso che effettua operazioni di private equity.
PRODOTTO FINANZIARIO STRUTTURATO
Strumento finanziario complesso, che unisce i vantaggi di diversi strumenti in un unico investimento, come le obbligazioni equity-linked (obbligazioni con opzioni call).
PROPORZIONALE
Se l'assicurazione copre solo una parte del valore che la cosa assicurata aveva al momento del sinistro, l'assicuratore